martedì 20 febbraio 2018

LE GALETTES DI GRANO SARACENO E TRE MOUSSES CON CUI MANGIARLE

Ecco la ricetta per fare le galettes di grano saraceno (le abbiamo fatte a forma di mini blines) e di per tre mousses con cui accompagnarle. Vive la France!

 
Bonjour mes amis! Ieri ho seguito un corso di cucina francese alla casa del Quartiere, cosa che ormai faccio da tre anni e dove ho imparato a fare molte ricette, sia italiane che internazionali. Questa volta abbiamo imparato a fare le galettes di pane saraceno e tre mousses: di champignon, di Rochefort e di sardine. In questo post inizio a condividere la ricetta delle galettes, mentre per le mousses dovrete avere ancora un pò di pazienza.

Le Galettes di grano saraceno

Pariamo dalla premessa che sono buonissime ed estremamente gustose. Inoltre hanno il grosso vantaggio di essere senza glutine e quindi perfette per chi ha intolleranze o allergie di questo genere.

Galletes di grano saraceno
Galletes di grano saraceno
Le galettes le ho sempre mangiate in forma di crêpes, di recente a Monginevro ad esempio, ripiena ai quattro formaggi (una cosa leggera), mentre durante il corso abbiamo fatto con lo stesso impasto, delle blines, ovvero frittelline, un pò più spesse di una crepe.

Ecco la ricetta per le galetes di grano saraceno:

Ingredienti
  • 2 uova
  • 50 g di farina di grano saraceno
  • 90 ml di acqua
  • 15 g di burro sciolto + un pezzetto burro per ungere la padella
  • 1 pizzico di sale
Preparazione

In una terrina capiente, sbattete le uova, aggiungete la farina, il burro ed il sale. Aggiungete l'acqua poco a poco, mescolate vigorosamente sempre nella stessa direzione, fino ad ottenere un composto denso ed omogeneo, come da foto.
Impasto per le galetes di grano saraceno
Impasto per le galettes di grano saraceno
Versate un mestolo dell'impasto nella padella ben calda e unta col burro. Cuocete qualche minuto per lato, finchè non saranno ben abbrustolite.

Galette di grano saraceno in cottura
Galettes di grano saraceno in cottura
Et voilà! Pronte per essere guarnite con le mousses e mangiate. Bon appetit!

Galettes di grano saraceno pronte
Galettes di grano saraceno pronte

venerdì 9 febbraio 2018

COME FARE LE AREPAS, PANINI VENEZUELANI

Ed ecco a voi la ricetta delle Arepas, panini venezuelani e alcune proposte per la farcitura:

 

Le arepas in cottura
Le arepas in cottura
Buenos dias amigos! Gli anni scorsi ho partecipato, e quest'anno parteciperò ancora, a dei corsi di cucina molto divertenti alla casa del Quartiere. Qui vi racconto l'incontro sulla cucina venezuelana dove abbiamo imparato, con le simpaticissime cuoche venezuelane, a fare le arepas, panini venezuelani e il platano fritto.

Le arepas sono dei panini/focaccine venezuelani molto buoni, ottimi da proporre durante una cena tra amici.
Uno spunto che vi propongo è di organizzare una cena in cui preparerete in anticipo le arepas e che ogni ospite potrà riempire a piacimento con i propri ingredienti preferiti, tradizionali o meno. Ad esempio, avocado a fettine, guacamole, pomodoro piccante, peperoni cotti/crudi, zucchine, faglioli, cipolle, formaggio, pollo, manzo ecc. ecc.

Le arepas sono anche ottime per chi ha intolleranze o allergie al glutine, perchè sono fatte con la farina di mais. Insomma, farete felici un pò tutti!

Nei prossimi mesi raccoglierò un pò di foto e idee degli incontri passati, perchè sono stati molto interessanti e divertenti e non ho mai pubblicato nulla.

Lunedì ho il corso di cucina francese, in francese 😍e poi ne avrò altri, vi racconterò di volta in volta.

 

Ma ecco la ricetta delle Arepas

 

INGREDIENTI (PER 4 PERSONE)

 

PREPARAZIONE 

 

Mescolate bene la farina di mais con il sale e l'acqua e formate un impasto ben sodo. Una volta pronto fatelo riposare per una ventina di minuti.

Formate con l'impasto 8-10 palline. Schiacciatele e fate dei dischetti di circa un centimetro di spessore.

Le arepas in cottura
Le arepas in cottura
In una padella antiaderente scaldate l'olio di semi e cuocete le arepas finchè non risultano ben dorate (circa 5 minuti per lato).

 

Come mangiamo le Arepas? Ecco il suggerimento di un paio di farciture, una vegetariana e l'altra col salmone e tonno, mie ben note passioni.

 

Una volta pronte le arepas, potete tagliarle in due e farcirle come preferite, anche con ingredienti dolci. Ecco un paio di idee...

Ripieno vegetariano, insalata di avocado: un avocado, pomodorini, scalogno, lime, coriandolo fresco, Sale, Pepe, Olio. Mescolate tutti gli ingredienti (tranne il coriandolo) e lasciate marinare in frigo per un'oretta. Aggiungete il coriandolo subito prima di farcire l'arepa. 

Ripieno di pesce, ceviche di tonno e salmone: scalogno, coriandolo fresco, lime, sale, sepe, olio. Stessa procedura del ripieno vegetariano...marinate il pesce con il lime, lo scalogno, il sale e il pepe. Alla fine aggiungete il coriandolo.

martedì 30 gennaio 2018

RICETTE PER TU BISHVAT - IL CAPODANNO DEGLI ALBERI

La festa ebraica di Tu Bishvat e le primizie di Israele 


Stasera e domani cade la festa ebraica di Tu BiShvat (ט״ו־בִּשְׁבָט ṭū bišḇāṭ) chiamata anche Capodanno degli alberi. Il nome della festività significa 15 del mese di Shevat, ovvero il giorno centrale del mese ebraico di Shevat.

Albero autunnale Valentino
Albero torinese - ma è pur sempre anche la sua festa
A Tu Bishvàt si usa mangiare frutta, in particolar modo i frutti delle sette speci con le quali è stata benedetta la terra d'Israele: il grano e l'orzo, l'uva, i fichi, melograno, le olive e i datteri.

Approfitto di questa ricorrenza, dunque, per condividervi un pò spunti, idee e ricette per onorare la festa, oppure per farvi scoprire delle ricette a tema dal mio blog ;-)

 

Ricette salate per Tu Bishvat

 

Insalata con uvette e cavolo rosso
Insalata con uvette e cavolo rosso

 

E per concludere, i dolci per Tu Bishvat...

 

Dolce light allo yogurt e melograno
Dolce light allo yogurt e melograno
Hag sameach e buon appetito a tutti!

giovedì 25 gennaio 2018

RISOTTO KOSHER RADICCHIO, SALSICCIA E VINO ROSSO, SENZA FORMAGGIO

Buongiorno a tutti!

Come promesso ieri, sono qui per condividervi la ricetta dell'ottimo risotto fatto da mia mamma col radicchio veneto, salsiccia e Barbera.
Risotto riso rosso e radicchio
Risotto vino rosso e radicchio veneto
Le particolarità di questa ricetta sono due:
  1. E' fatto col buonissimo radicchio che ogni anno un'amica della mamma le spedisce come regalo di compleanno, direttamente da Treviso. Certo lo potete trovare anche a Torino, ma così è più speciale.
  2. E' fatto seguendo le regole di alimentazione ebraiche della cucina Kosher.
    Qui ci interessa in particolare che non si possono mangiare latticini insieme alla carne e che quindi il risotto è senza formaggio e che la carne dev'essere acquistata in un macellaio che segua le regole della cucina Kosher. Quindi la salsiccia qui utilizzata è di mucca, perchè non è permesso mangiare il maiale.
Ero un pò scettica sul fatto che un risotto senza burro e senza parmigiano potesse essere buono, ma la realtà mi ha ampiamente smentita e quindi condivido molto volentieri questa ricetta, a uso e consumo di tutti, ma soprattutto di ebrei e di intolleranti al lattosio.

INGREDIENTI X 4

  • 250 gr riso carnaroli
  • 250 gr di radicchio rosso trevigiano
  • 1 l brodo vegetale
  • 1 cipolla bionda 
  • 2 salsicce di manzo
  • 2 bicchieri di Barbera
  • Qualche geriglio di noce per guarnire 
  • Margarina qb
  • Olio qb
  • Sale qb
  • Pepe qb

PREPARAZIONE

Lavate il radicchio e tagliatelo a pezzettini e tritate la cipolla. In un pentolino scaldate a fiamma bassa 1L di brodo. In una padella capiente iniziate a soffriggere la cipolla e tostate il riso, finchè diventa traslucido.

Successivamente aggiungete il radicchio e la salsiccia e sfumate con la Barbera e salate (poco, che il brodo è già salato). 

Aggiungete mano a mano il brodo finchè la cottura non sarà completata (circa 20 minuti, ma assaggiate) e mantecare con poca margarina. Aggiungete pepe a piacimento.

Servite quando sarà ancora ben fluido...come si dice...all'onda. Davvero è venuto benissimo! 
Buon appetito a tutti :-)

lunedì 22 gennaio 2018

PASTA AL SALMONE PISTACCHI E SCORZA DI LIME

Buongiorno carissimi followers e fans del mio blog 😏!
So che in molti hanno già visto ed apprezzato la nuova ricetta che ho inventato, usando alcuni dei miei ingredenti preferiti - salmone, aneto e yogurt greco.

Questa potrebbe essere una rivisitazione moderna della ricetta anni '90 panna e salmone, dove ho utilizzato ingredienti più incisivi e eliminato la panna, che come tutti sapete, non è più di moda!

L'occasione migliore di provare nuovi piatti è invitare un'amica che ti vuole bene (così se sbagli combinazioni, probabilmente ti perdonerà), con cui si prospetta una serata di buone chiacchiere e vinello...

Tavola apparecchiata per due
Aperitivino


Come antipasto ho preparato un pò di formaggi col miele/marmellatine, pani e paninetti vari, che ci piacciono sempre moltissimo, anche se ci sarebbe voluto un antipasto di mare per stare in tema.
Ma è andata benissimo così!

Ed ecco la pasta:

INGREDIENTI (x2)

  • 180gr di pasta lunga (qui ho usato le bavette integrali)
  • 100 gr di salmone affumicato
  • Mezzo scalogno
  • Uno yogurt greco zero grassi
  • Scorza di un limone non trattato
  • Aneto qb 
  • Pepe qb
  • Sale qb (poco, perchè già il salmone ed i pistacchi sono salati) 
  • Olio qb
  • Pistacchi 40 gr di leggermente salati, da sgusciare.

Bavette salmone limone
Ottime bavette salmone limone e pistacchi

PREPARAZIONE


Preparate precedentemente tutti gli ingredienti che vanno tagliati:
scalogno tritato finemente, salmone affumicato a pezzetti e pistacchi tagliati in due.

Cuocete la pasta come indicato sulla confezione.

Nel frattempo scaldate l'olio ed aggiungete lo scalogno. Una volta quasi terminata la cottura della pasta, mettete nella padella il salmone, i pistacchi e lo yogurt greco.

Scolate la pasta, conservando poca acqua di cottura.

Mettetela nella padella, date una prima mescolata e aggiungete ancora olio qb, sale (assaggiate per la quantità), aneto, pepe ed abbondante scorza di limone.

Servite subito e gustate il piacere di una cena in ottima compagnia!



venerdì 12 gennaio 2018

IL PANE CHAPATI DI ZANZIBAR E LE MIE VACANZE DI INVERNALI

Buongiorno a tutti e buon 2018!

Quest'anno ho deciso di fare un winter break alternativo e di andare al caldo a Zanzibar.
La scelta, inutile dirlo, si è rivelata azzeccatissima...

Auguri di buon anno
Belle eh le vostre foto in montagna
Il giorno del mio arrivo sull'isola, il 25 dicembre, ho seguito insieme ai miei compagni di viaggio un corso di cucina davvero interessante sulla cucina zanzibarina, conclusosi con un'ottima cena, da consumare seduti per terra con le mani. Il modo giusto per cominciare la vacanza!

Tra strani strumenti per grattugiare il cocco, fornellini da campo per cucinare e chiacchiere sugli usi e cosumi del posto, abbiamo (hanno) cucinato dei piatti deliziosi.

Donna che gratta il cocco
Questa donna era bravissima a grattugiare il cocco, al contrario nostro
La preparazione che mi è rimasta più impressa, perchè poi l'abbiamo mangiata durante tutto il viaggio, è il pane chapati. Voi direte: "ma il chapati è un pane indiano!". Sì ma si mangia anche in alcuni paesi africani, come per l'appunto la Tanzania e il Kenia, giuro.

Preparazione ChapatiPreparazione chapati

INGREDIENTI

  • 5 tazze di farina
  • 2 tazze di acqua tiepida
  • mezzo cucchiaio di sale
  • mezza tazza di olio vegetale (noi abbiamo usato quello di palma, ma credo che possa andare bene anche quello di semi).
  • farina in più per infarinare il piano su cui stendiamo la pasta

PREPARAZIONE
...cerco di spiegarvelo a parole, ma vi invito a vedere questo video per capire bene tutti i passaggi. Non fossilizzatevi sullo swaili, guardate le immagini!



Mettete in una ciotola la farina setacciata ed in sale. Aggiungete l'acqua e create un impasto sodo ed impastatelo bene, finchè risulterà liscio. Poi fatene delle palline.

Infarinate un piano e stendete ogni pallina, creando un dischetto (come da mia foto).
Dopo spennellatelo con abbondante olio. A questo punto bisogna allargarlo con le mani e creare un buco in mezzo (qui fate riferimento al video) finchè rimanga solo il perimetro. Poi spezzate il cerchio ed arrotolatelo a spirale. Il risultato lo vedete sempre nella mia foto.

Stendete nuovamente la pasta e mettetela a cuocere in una padella unta...ad occhio decidete quando sarà pronto, un pò bruciacchiato, delizioso! Non vedo l'ora di rifarlo.

Ma con cosa possiamo mangiarlo? A Zanzibar ad esempio vanno fortissimi i piatti a base di latte di cocco (simili ai curry thailandesi, ma non piccanti) e di pesce naturalmente. 

Sul mio blog trovate qualche spunto un pò fusion, per mangiare i nostri chapati...

Alla messicana, con guacamole e salsa piccante
Con la salsina alla menta, stile indiano
Alla peruviana, col cheviche
Alla mediorientale, al posto della pita, con la mousse di melanzane
Ed infine alla zanzibarina, molto reinterpretato, con merluzzo e latte di cocco

Spiaggia di Zanzibar
Una normale spiaggia di Zanzibar


lunedì 8 gennaio 2018

FIORI DI ZUCCA RIPIENI LIGHT

Buongiorno cari fans e buon 2018 a tutti!

A chi non piacciono i fiori di zucca fritti ripieni di formaggio?

Beh a me piacciono moltissimo, ma mi sento sempre in colpa quando mangio cibo fritte e quindi non li faccio mai. Tra l'altro gennaio è un periodo di buoni propositi sulla dieta e su tutto il resto e quindi...ho inventato un'alternativa light che mi è comunque piaciuta molto e che ho mangiato a cuor leggero :-)

Fiori di zucca pronti da infornare

INGREDIENTI:

- Una vaschetta di fiori di zucca (di zucchina).
- 500 gr. di ricotta.
- Un cucchiaino di capperi.
- Qualche foglia di salvia
- Un cucchiaio di pan grattato
- Sale e pepe

PREPARAZIONE:

Pulite delicatamente i fiori togliendo il pistillo e la base dura facendo la massima attenzione a non romperli. Io non sono stata bravissima, ma voi potete fare di meglio.

Sminuzzate il più finemente possibile i capperi e la salvia e mischiate il tutto in una terrina, aggiungendo anche sale e pepe q.b.

Con una siringa riempite i fiori uno per uno e disponeteli su una teglia sulla carta da forno.

Una volta pronti spolverate con il pan grattato, aggiungete ancora un pizzico di sale, pepe e bagnate con un filo d'olio.

Cuocete in forno preriscaldato per 10 minuti a 180°, sfornate e servite caldi!
Una bontà senza sensi di colpa!




venerdì 22 dicembre 2017

FRITTELLE PER CHANUKKA'

Chanukkia
Ultima notte di Chanukkà

Ricetta delle frittelle
L'originale

Con colpevole ritardo pubblico una ricetta di frittelle, perfette per Chanukkà.

Potrete mangiarle fuori stagione, tipo adesso, oppure aspettare fino all'anno prossimo...però onestamente non aspetterei :-)

La ricetta viene copiata direttamente dal quaderno della mamma...

INGREDIENTI:
  • 1/4 di Litro d'acqua
  • 50 gr di burro
  • 150 gr di farina
  • 3 uova
  • 2 cucchiaini di Rum
  • 2 cucchiai di zucchero
  • scorza di limone
  • 50 gr di zucchero a velo
  • 2 cucchiai di uvette (mia aggiunta)
  • 1/2 litro di olio per friggere

PREPARAZIONE:

Far bollire l'acqua con il burro, finchè è sciolto. Togliere il tegame dal fuoco e gettare la farina in un sol colpo. Lavorare la pasta sul fuoco a calore moderato fino a che si stacchi dalle pareti.

Quando la pasta è tiepida, unire le uova una alla volta, mescolando bene con gli altri ingredienti.
Friggere in un pentolino pieno d'olio e una volta cotte, asciugarle con la carta assorbente.

Cospargetele di zucchero a velo, prima di servirle calde.

Buone feste a tutti e buona fine 2017...




giovedì 7 dicembre 2017

RACCOLTA DI RICETTE PER CHANUKKA'


Chanukkià
Chanukkià chez moi

Buongiorno a tutti!
La prossima settimana, il 12 dicembre per la precisione, inizia la festa ebraica di Chanukkà, conosciuta anche con il nome di Festa delle luci o Festa dei lumi, durante la quale accendiamo la Chanukkià.
Spero che mi perdonerete se non nè spiego qui l'intera storia, ma è complessa e Wikipedia la spiega benissimo qui. Sappiate che tra le altre cose si è verificato un miracolo su un olio sacro, motivo per il quale si usa mangiare durante la festa cibi fritti.
Ecco alcuni spunti interessanti tra le mie ricette per preparare e mangiare fritti per un motivo, oltre a quello della loro bontà :-)
Chanukkà Sameach (buon Chanukkà) a tutti!!!


LATKES - FRITTELLE DI PATATE

Ricetta ebraica presa dal libro della nonna!

INGREDIENTI (per sei persone):
  • 6 patate
  • 2 uova 
  • 2 cucchiaini di fecola
  • 1 piccola cipolla
  • 1 pizzico di lievito in polvere
  • sale, pepe
PREPARAZIONE:

Grattuggiate le patate e tritate la cipolla. Perchè le patate non anneriscano unitevi, appena grattate, un pizzico di bicarbonato.
Mescolate tutti gli ingredienti e versate l'impasto a cucchiaiate nell'olio bollente. Una volta cotte asciugatele con la carta assorbente e servitele calde.
Wow!!
Latkes
Latkes

FRITTELLE DI MELE

Noi l'abbiamo fatte senza zucchero nell'impasto, ma solo una spolverata sopra...non vengono tanto dolci, ma a me piacciono così! Se le volete addolcire aggiungete un pò di zucchero nella pastella

INGREDIENTI:
  • 2 mele renette
  • 150 gr di farina
  • 2 uova
  • 200 ml di latte
  • zucchero da spolverare sopra
  • un pizzico di sale
PREPARAZIONE:

Preparare la pastella sbattendo con lo sbattitore i tuorli, il latte e la farina setacciata e un pizzico di sale, finchè il composto non sarà omogeneo e senza grumi.
Lasciare l'impasto a riposare coperto per mezz'oretta.

Poi montate a neve le chiare ed unitele alla pastella (se decidete di mettere lo zucchero, questo è il momento di aggiungerne 20gr) facendo attenzione a non smontarle.

Sbucciate le mele e togliete il torsolo. Tagliate fettine dello spessore di circa mezzo cm.
Passatele nella pastella e friggetele in abbondante olio.

Una volta dorate su entrambi i lati, toglietele e ponetele sulla carta assorbente. Una volta asciutte, cospargere con lo zucchero e servire calde...

Va beh, una volta all'anno si può fare!!!

:-)

mercoledì 22 novembre 2017

SPAGHETTI SHIRATAKI AL PESTO DI SPINACI E SALMONE AFFUMICATO

Buongiorno carissimi!
Eccoci qui con una ricetta di folle sperimentazione e super light.

Dunque...ho acquistato gli Spaghetti Shirataki. Cosa sono, vi chiederete... sono un tipo di spaghetti ricavati dalla radice del konjac, pianta nativa della zona subtropicale temperata asiatica.

La loro caratteristica più interessante è che hanno 6 Calorie per 100 gr...per questo ho pensato che avrei dovuto assolutamente provarli.

Il rovescio della medaglia è che sanno veramente di poco ed è quindi necessario insaporirli molto. Mi sono inventata quindi un condimento gustoso e anche dietetico. Questo è il risultato e siete fortunati :-) dopo il mio esperimento, voi avrete una versione migliorata.

Questo piatto fatto con gli spaghetti Shirataki è veramente molto dietetico, da mangiare a cuor leggero.

Spaghetti Shirataki persto di spinaci e salmone affumicato
Spaghetti Shirataki pesto di spinaci e salmone affumicato


Ma insomma: procediamo!

INGREDIENTI x 1:
  • 1 confezione di spaghetti Shirataki / in alternativa 80 gr di pasta normale
  • 200 gr di spinaci surgelati
  • un filo d'olio
  • uno yogurt bianco magro
  • un mazzetto di menta
  • 50 gr di salmone affumicato 
  • un quarto di spicchio d'aglio
  • sale
  • 1 gheriglio di noce
  • una manciata di pepe rosa
  • una spolverata di curry
  • una spolverata di peperoncino
PREPARAZIONE

Rosolate l'aglio e gli spinaci precedentemente scongelati con pochissimo olio.

Frullateli insieme alla menta, allo yogurt e a tutte le spezie e l'aglio e sale fino ad ottenere una crema.

Aprite gli spaghetti e sciacquateli bene sotto l'acqua corrente. Saltateli in una padella con il pesto di spinaci, il salmone affumicato a pezzettini e ripassateli per 3-4 minuti. Successivamente impiattateli guarnendoli con la noce ed il e pepe rosa...

Fatto! Ottimi! Se non siete a dieta provateli anche con pasta lunga normale o integrale...
Buon appetito e buona dieta a tutti!

Shirataki nella versione "spaghetti asiatici"


mercoledì 25 ottobre 2017

SALATINI AL SALMONE E FORMAGGIO

Ed ecco un super classico della mia cucina...salatini deliziosi, veloci e di sicuro successo, ideale per le feste :-) !!!

Soddisfano a pieno la mia passione sfrenata per il salmone, come si più facilmente intuire dalle numerosissime ricette col salmone, presenti sul blog.

Ho rifatto questi salatini ieri con l'utilizzo di un formaggio spalmabile di capra e sono ancora più buoni.

INGREDIENTI x20/30 salatini, a seconda dello spessore.
  • Pasta sfoglia (meglio se quadrata)
  • Formaggio spalmabile
  • Salmone affumicato (confezione piccola)
  • Semi di sesamo/papavero
PREPARAZIONE

Stendere la pasta sfoglia, spalmarci sopra uno strato di formaggio e disporre il salmone e tagliare il tutto in strisce di 2-3 cm.

Arrotolare una striscia per volta e disporre su carta da forno.
Passateli nei semini di sesamo o di papavero.

Infornate nel forno a 180° preriscaldato per circa 20 min, e controllate la cottura, è facile capire quando sono pronti!

Ed ecco il risultato finale...sono buonissimi!


Salatini con salmone e formaggio
Salatini con salmone e formaggio

venerdì 20 ottobre 2017

QUE VIVA MEXICO! TOTOPOS CON GUACAMOLE E SALSA PICCANTE

Provenienza - Mexico

Questa estate sono andata in messico e ho mangiato guacamole praticamente ad ogni pasto :-)
Avevo già elaborato la mia ricetta, di sicuro successo e vi dirò che molto spesso ho pensato che il guacamole che faccio io, fosse più buono di quello mangiato là...anche se in Messico l'ho mangiato spesso sulla spiaggia.

Per scacciare la malinconia, me lo rifaccio a casa.

Fase 1 - comprate i totopos (patatine triangolari di mais) al supermercato!

Fase 2 - fate le salse!

guacamole
Guacamole guarnito con peperoncino e lime
Fase 3 - Tequila time

GUACAMOLE

INGREDIENTI:

1 avocado
1/2 pomodoro
1/2 cipolla rossa
1 lime
peperoncino
coriandolo
sale
pepe

PREPARAZIONE:

frullare l'avocado
tagliare tutto il resto a pezziettini e mischiare con l'avocado
aggiungere sale, lime, coriandolo, peperoncino



SALSA PICCANTE
Tequila messicana
Tequila messicana


INGREDIENTI:

1 lattina di passata di pomodoro
1 spicchio d'aglio
peperoncino
sale

PREPARAZIONE

tagliare in pezzetti l'aglio ed aggiungerlo al pomodoro crudo. Aggiungere l'olio, il peperoncino e sale.
Servire!

Naturalmente le salse vanno mangiate con le patatine messicane! (ed un margarita?)

Per finire la cena...tequila sale e lime!
Spiaggia messicana con guacamole
Spiaggia in cui ho mangiato i totopos col guacamole


giovedì 19 ottobre 2017

SPAGHETTI INTEGRALI CON LA BOTTARGA

Buongiorno amici,
e buon tiepido autunno :-)

Ieri ho fatto un ottimo esperimento, ovvero la pasta con la bottarga...
La cosa bella è che il gusto è molto ricercato e particolare, ma la ricetta è rapidissima.


Spaghetti con la Bottarga
Spaghetti con la bottarga - pronti per essere mangiati ;-)

INGREDIENTI:
  • 40 grammi di bottarga di muggine grattuggiata (io ho preso questa al Pam x 2 confezioni) 
  • 500 grammi di spaghetti integrali
  • Un mazzetto di prezzemolo
  • Due spicchi d'aglio
  • Una decina di pomodorini
  • Peperoncino q.b.
  • Sale q.b.
  • Olio abbondante
PREPARAZIONE:

In una ampia padella mettete l'olio e quando sarà caldo aggiungere l'aglio a spicchi interi e i pomodorini tagliati in 4. Cuoceteli per una ventina di minuti e poi togliete gli spicchi d'aglio.

Cuocete la pasta al dente, in acqua salata bollente. Una volta scolata mettetela nella padella e ripassatela, aggiungendoci sale, il peperoncino, la bottarga ed il prezzemolo tritato.

Pronta per la cena i vostri spaghetti integrali con la bottarga :-) Buon appetito a tutti!




mercoledì 18 ottobre 2017

INVOLTINI DI SALMONE

Ehilààààà! Ecco un nuovo antipastino da leccarsi il baffi, e anche mooooolto chic, ed unisce ingredienti che adoro:
salmone, philadelphia e rucola. Un antipasto buonissimo, semplicissimo e velocissimo!



INGREDIENTI
  • Salmone Affumicato (consiglio di prenderlo di buona qualità, più le fette rimangono intere, meglio è).
  • Philadelphia
  • Nocciole
  • Menta
  • Pepe
  • Rucola per guarnire
 PREPARAZIONE

Mescolare Philadephia, menta, pepe e le nocciole schiacciate.
Separare le fette cercando di non romperle.
Spalmare il formaggio e arrotolare!!
Stendere un letto di rucola e adagiare sopra gli involtini di salmone...meglio lasciarli raffreddare un pò in frigo perchè si solidifichino un pò e poi servite!

Yuhm!!!!


mercoledì 20 settembre 2017

RICETTE PER ROSH ASHANA' 5778 - BUON ANNO NUOVO A TUTTI

Buongiorno a tutti!

In attesa di pubblicare qualche nuova ricetta, in occasione del Capodanno ebraico - Rosh AhShanà che sarà stasera, vi riporpongo una serie di ricette ebraiche tra quelle del mio blog, che per l'abbondanza di ingredienti dolci, saranno perfette per portarvi con dolcezza nel nuovo anno!







A presto e Shanà Tovà Umetukà (augurio di un anno buono e dolce)



lunedì 18 settembre 2017

TARTINE SALMONE AFFUMICATO E SALSA YOGURT E MENTA

Buongiorno a tutti!
In attesa di qualche ricetta in onore di Rosh a Shanà (capodanno ebraico), vi lascio uno spunto per fare delle tartine sfiziose e leggere.

Il protagonista è uno dei miei cibi preferiti in assoluto...il salmone affumicato! :-)


INGREDIENTI

Per la salsa allo yogurt:

Uno yogurt greco 0 grassi
Un mazzetto di menta
Un cucchiaio d'olio
1/2 lime
1/3 di spicchio d'aglio (insomma poco)
Una presa di sale

100 gr di Salmone affumicato
Quattro fette di pan carrè integrale

PROCEDIMENTO

Abbrustolite il pan carrè in forno. Poi tagliatelo in due in diagonale.

Frullate tutti gli ingredienti della salsina insieme e poi...mi spiace, ma bisogna andare un pò ad occhio :-) ed aggiustate secondo il vostro gusto.

Quando vi piacerà il risultato, spalmate la salsina sul pane, adagiateci sopra il salmone e sopra ancora un pochino di salsa.

Semplice e buono!

E bon appetit :-)

mercoledì 19 aprile 2017

CEVICHE, INSALATINA DI AVOCADO E RISO VENERE

Buongiorno a tutti!
Un paio di settimane fa ho invitato le mie amiche a cena e volevo proporre qualcosa di un pò più raffinato del solito, assecondando la mia nuova passione per il coriandolo, che al momento coltivo anche sul balcone.

Ho quindi fatto un ceviche di tonno (una sorta di tartare, la cui ricetta ha origini sudamericane), accompagnato da un'insalatina di avocado e da del riso venere. Qui vi condivido la mia l'ispirazione per stupire tutti!

ceviche
Ceviche e insalatina di avocado al coriandolo
INGREDIENTI x 4:

Ceviche:
- 250 gr di tonno
- 250 g salmone
- Un mazzetto di coriandolo
- 2/3 lime
- Sale
- Pepe
- 1/2 Scalogno

Insalata di avocado:
- un avocado
- 6/7 pomodorini
- 1/2 scalogno
- Un lime
- Un mazzetto di coriandolo
- Sale
- Pepe
- Olio

Per accompagnare, 250 gr di riso venere. Per impiattare, un coppapasta.

PREPARAZIONE:

la preparazione è sempilice.
Iniziamo dalla tartare, che io ho fatto partendo dal pesce surgelato. Si può fare anche col pesce fresco, acquistato in un posto fidato.

Ho tagliato il pesce a cubetti, lo scalogno con una mandolina, in modo da avere fettine sottili e ho messo tutto in una terrina con il coriandolo tritato finemente, il sale ed il pepe.
Ho poi innaffiato tutto di abbondante lime, coperto con la pellicola e lasciato in frigo per minimo 2h (anche di più).

Poi ho preparato l'insalatina di avocado tagliandolo a cubetti, aggiungendo i pomodori sempre a cubetti e poi lo scalogno, sempre tagliato a fettine sottili, il coriandolo, il sale, pepe, olio e lime.
Ho messo anche questa preparazione in frigo.

Ho poi cotto il riso venere come indicato sulla scatola e l'ho lasciato raffreddare.

Dopo il tempo necessario per la marinatura del pesce, ho servito le tre insalate, come da foto, impiattandole col coppapasta.
Il risultato è stato davvero ottimo ed ho fatto una figura da Mastechef :-)



martedì 28 marzo 2017

ZUCCHINE IN CARPIONE, VIVA LA PRIMAVERA, VIVA L'ESTATE

Buongiorno a tutti!

Eccomi di ritorno con una ricetta estiva di origine piemontese (con una variante mia).

Estiva perchè si serve fredda, ha la menta che a me fa sempre tanto sole caldo e spiaggia, e si conserva in frigo per qualche giorno.

Poi in carpione, con una procedura simile a questa, si possono fare un sacco di cose...pesce, carne, uova, verdre...oggi vi beccate come fare le zucchine ed il vantaggio che per 2 o 3 giorni in frigo queste delicatessen si conservano benissimo!


Dunque, per chi ha la divina fortuna di essere a casa in questo momento, inizierei a cucinare subito le zucchine e la mangerei stasera.

Per tutti gli altri sfigati che invece sono a lavoro, stasera per domani?
Comunque:

INGREDIENTI
  • 3 zucchine 
  • 1 cipolla grande rossa o di Tropea
  • 2 rami di menta 
  • 1 bicchiere di aceto di vino
  • pepe rosa (l'aggiunta di questo ingrediente l'ho fatta io, rispetto alla ricetta classica, e mi piace molto)
  • olio di oliva  
  • sale 

PREPARAZIONE

Cuocere le zucchine tagliate a tocchetti in olio di oliva, salare e mettere da parte a laciar raffredare.

Mettere le cipolle in olio bollente e poi quando sono rosolate, aggiungere l'aceto e un pò d'acqua. Infine aggiustare di sale e far bollire per alcuni minuti, in modo da far evaporare un pò l'aceto e acqua.

Versare poi il tutto sulle zucchine ed aggiungere la menta a pezzetti. Dopo che il tutto si sarà raffreddato, riporre in frigo e lasciar riposare per un pò di ore. Gustare fredde.

Delizia!




domenica 26 febbraio 2017

POLPETTONE DI TONNO SENZA PATATE - UN OTTIMO SECONDO

Oggi vi insegno come fare il polpettone di tonno senza patate, piatto apprezzatissimo nella mia famiglia.


La ricetta è estremamente semplice, economica e può andare bene per essere servita sia come antipasto che come contorno.

Nella mia vita l'ho mangiato spessissimo, perchè evidentemente, oltre che a me la ricetta piaceva molto anche a mia mamma e a mia nonna. Infatti questo polpettone compare nel libro enciclopedico sulla cucina ebraica scritto da mia della nonna Giuliana Ascoli, il famoso La cucina nella tradizione ebraica.

Specifico qui che il polpettone di tonno è senza patate, perchè ne esiste anche un'altra versione, detta "pesce finto" che prevede l'uso delle patate e si fa senza cottura. A me piace infinitamente di più questa ricetta, che vi condivido volentieri. I suoi plus sono la semplicità e che piace proprio a tutti, anche ai bambini.

Non peridiamo tempo allora: ecco la ricetta per preparare il polpettone di tonno senza patate di casa mia!

Il polpettone di tonno senza patate
Polpettone di tonno senza patate

INGREDIENTI:

  • 240 gr di tonno
  • 3 uova
  • 150 gr di pan grattato
  • una manciata di capperi sciacquati bene
  • un paio di cucchiai di parmigiano
  • un pizzico di noce moscata

PREPARAZIONE:

Frullate tutti gli ingredienti, lasciando da parte solo il pan grattato.
Secondo i gusti potete anche aggiungere un paio di acciughe e un pochino di prezzemolo.

Aggiungete poi il pan grattato fino a raggiungere una giusta consistenza per farne un salame.

Adagiate quindi il contenuto sulla carta da forno. Date la forma di un salame e poi arrotolatelo in abbondante carta da forno, chiudendo il tutto a caramella. Non bisognerebbe farci entrare acqua, quindi abbondate con la carta da forno.

Mettetelo a cuocere in acqua bollente per mezz'ora. Dovrebbe essere tutto ricoperto di acqua, quindi l'ideale sarebbe una pentola dalla forma allungata. Poi toglietelo dall'acqua, lasciatelo raffreddare e tagliatelo a fettine per servirlo.

Il risultato è buonissimo, ma per ottenere il massimo risultato va servito con della maionese o salsa tonnata a piacimento, che si sposano perfettamente!

Ed ora non vi resta che gustarvelo...piacerà a tutti, successo assicurato!

venerdì 27 gennaio 2017

SFOGLIATA CROCCANTE DI RADICCHIO E PERE

Buongiorno a tutti!

Sfogliata croccante radicchio e pere
Sfogliata croccante radicchio e pere
Di nuovo stagione di radicchio e come tutti gli anni vi propongo una ricetta a base di buonissimo radicchio veneto.

E' piaciuta a tutti, è molto rapida da preparare e finisce in un attimo :-) Molto buona anche da mangiare il giorno dopo...

INGREDIENTI:
  • Un rotolo di pasta sfoglia preferibilmente quadrata
  • 2/3 cespi di radicchio
  • Una fetta di Brie
  • Noci in abbondanza
  • Due pere 
  • Olio - Sale - Pepe q.b
PREPARAZIONE:

Stendete la pasta sfoglia e condite con: radicchio, pera e brie tagliato tutto a cubetti. Sbriciolate sopra abbondanti noci, condite con olio, sale e pepe. Mi raccomando, salate bene, altrimenti il risultato potrebbe essere un pò dolce.
Infornate nel forno preriscaldato a 180-200°C e far cuocere per circa 20 minuti (controllate a occhio che non si bruci il radicchio, ma che si cuocia la pasta sfoglia.

Togliete dal forno e servite calda la vostra sfogliata croccante radicchio e pere!
P.S. Tagliate delle fette grosse che si rompe facilmente.

E poi come sempre vi auguro un buonissimo appetito e a presto!

mercoledì 18 gennaio 2017

INSALATA NORDICA DI PATATE E SALMONE

insalata di patateBuongiorno a tutti!

Eccomi qui a raccontarvi una ricetta che mi fa pensare all'Europa del nord ed all'Ikea :-)

Mi piace molto la panna acida, ma qui non si trova facilmente, quindi ho pensato che si possa sostituire bene con lo yogurt greco, col vantaggio di usare anche un condimento più leggero.

Poi ho messo insieme i miei ingredienti preferiti, ovvero il salmone affumicato e il pepe rosa, ho aggiunto l'aneto e devo dire che ho ottenuto un ottimo risultato!


Ecco la ricetta per questa ottima insalata di patate:
  • 500 gr di patate
  • 100 gr di salmone
  • una confezione di yogurt greco 0 grassi
  • una manciata di pepe rosa 
  • aneto qb
  • un cucchiaio/un cucchiaino di olio, a seconda di quanto volete che la ricetta sia light
  • sale qb
  • pepe qb
  • mezzo limone
Preparazione:

Lessate le patate, senza eccedere nella cottura, perchè non si devono disfare.
Sbucciatele e tagliatele a dadini.
Lasciate raffreddare e aggiungete il salmone e tutti i condimenti secondo il vostro gusto.

Semplice e molto buona.

Buon appetito e a presto :-)



giovedì 27 ottobre 2016

IL BOLLO - PANE DOLCE DELLA TRADIZIONE EBRAICA / VENETA

Buongiorno a tutti!

Abbiamo concluso questo intenso periodo di feste ebraiche e fino a Chanukkà (25 dicembre quest'anno), quando potremo mangiare tanti bei cibi fritti, facciamo una pausa.

Stasera vi vorrei presentare un pane dolce ebraico che si mangia alla fine del digiuno di Kippur, oppure a Sukkot (festa delle capanne), che mia mamma fa onorando le nostre origini ebraiche e venete.

Insomma, sembra tutto molto complicato, ma il risultato è buonissimo pane dolce con le uvette, con la crosta dorata...perfetto per la colazione e per le feste ebraiche. Prendetevi il vostro tempo per farlo, perchè ci vuole un pò...sarebbe un'ottima attività per la domenica.

Visto che la ricetta ed il procedimento di preparazione sono ben descritti nel libro di ricette ebraiche scritto da mia nonna, La cucina nella tradizione ebraica - Giuliana Ascoli Vitali Norsa mi permetto di ricopiarla quasi parola per parola.

Libro di ricette della tradizione ebraica
Il libro è molto vissuto per tutte le volte che mia mamma l'ha usato per realizzare le tante ricette ebraiche e di famiglia.

INGREDIENTI

500 gr. di farina
3 uova + un tuorlo per spennellare la superficie
5 cucchiai di olio d'oliva
5 cucchiai di zucchero
35 gr. di lievito di birra
50 gr. di uvette/50 gr.canditi
buccia di limone grattugiata

PREPARAZIONE

Sciogliete il lievito in poca acqua tiepida, mescolando bene ed aggiungendo un pò di farina in modo da avere un impasto molle, ma non troppo.
Bollo - dolce ebraico veneto
Il Bollo - Pane dolce della tradizione ebraica:
Non ho fatto in tempo a fotografarlo intero ;-)
Coprite e lasciate riposare in una terrina, coperto, per circa due ore.
Quando sarà ben lievitato versate il tutto in una terrina più grande ed aggiungetevi lo zucchero e l'olio e le uova e un altro pò di farina, i canditi e le uvette e la buccia di limone.
Mescolate il tutto molto bene e lasciate riposare nella terrina, ben coperto, per almeno un'ora, lasciandolo sempre in luogo tiepido. Trascorsa anche questa ora versate tutto sulla tavola ed aggiungete il resto della farina; lavorate molto bene l'impasto avendo cura di ottenere un impasto morbido, ma non troppo.
A questo punto ne farete due pani allungati che lascerete ancora lievitare coprendoli, leggermente infarinati, con un tovagliolo ed un panno.
Quando, prendendoli in mano, sentirete che sono diventati leggeri, li spennellerete con il rosso dell'uovo sbattuto li metterete nel forno già caldo a 180° per 30-40 minuti.

Ed ecco una nuova ricetta da inserire nel filone delle ricette ebraiche....
Hag Sameach (buona festa) amici 



giovedì 13 ottobre 2016

INSALATINE IN CESTINI DI PAN CARRE'

Buongiorno a tutti e buon autunno...

ormai ci siamo e come amo dire, la situazione non può che peggiorare (mi riferisco al clima, dai).

Allora è necessario contrastare il triste meteo con un pò di comfort food.

Su consiglio di una mia collega ho sperimentato la creazione dei cestini di pancarrè, dentro i quali di possono servire delle sfiziose insalate.

Vi suggerisco la modalità di preparazione dei cestini ed alcune insalate adatte per riempirle...poi tutto sta alla vostra fantasia!

Ecco qui il risultato dell'esperimento:

INGREDIENTI E MATERIALE:

Per le coppette di pan carrè:

- Pirottini per i muffin. Io ho usato quelli di silicone.
- Pan Carrè
- Olio qb

PROCEDIMENTO:

Prendete una fetta di pancarrè, tagliate via i bordi e stendetela con un mattarello.
Spennellate un lato della fetta con dell'olio, e poi mettetela nel pirottino dandole la forma con le mani perchè aderisca al fondo ed ai bordi.
Infornate a 180°C per 10 minuti. Per vedere se la coppetta è pronta provate a tirarla fuori ed a vedere se resta rigida.

Ed ora qualche suggerimento per le insalatine:

Insalata ceci e fichi:

- Ceci in scatola
- Pomodorini
- Fichi secchi
- Olive nere
- Foglioline di menta
- Olio, sale e pepe qb

Insalata autunnale di cavolo rosso
Insalata invernale di arance
Insalata di arance e avocado
 
Ecco qui! I vostri ospiti resteranno piacevolemente impressionati, giuro!




giovedì 29 settembre 2016

INSALATA AUTUNNALE DI CAVOLO ROSSO


Buongiorno a tutti!

L'estate è finita e un anno se n'è andato, l'autunno è cominciato, anche se per fortuna il clima è ancora gradevole ed io ho latitato per parecchi mesi, ma sono tornata con una nuova idea.

Ieri ho inventato un'insalata molto buona, semplice ed anche coreografica perchè è viola :-)

INGREDIENTI

Un Cavolo rosso piccolo
Una mela
Una manciata di noci
una manciata di uvette
100 gr di feta
Sale
Olio

PREPARAZIONE

Tagliate tutti gli ingredienti a cubetti e mescolate...condite con sale ed olio...non è molto difficile :-)
Buon appetito e buon ottobre a tutti!

giovedì 3 marzo 2016

ORZO CON ZUCCHINE E TONNO AFFUMICATO AL PROFUMO DI ARANCIA

Orzo con zucchine e tonno affumicato - un'alternativa super sfiziosa e più light rispetto alla solita pasta. 

 

Buongiorno a tutti! Oggi vi propongo una ricetta semplice, ma molto buona che ho inventato ieri, mentre di sottofondo in tv guardavo Masterchef: orzo con zucchine e tonno affumicato al profumo di arancia.

Mi candido per partecipare alla prossima edizione?

Questo orzo con zucchine e tonno affumicato al profumo di arancia, l'ho realizzato per un'amica a dieta. La richiesta era di usare l'orzo, no formaggio, pochi grassi, ok pesce. Allora mi sono messa a inventare!

Il risultato è stato molto buono, con un ultilizzo di grassi davvero ridotto.

Orzo con zucchine e tonno affumicato
Orzo con zucchine e tonno affumicato
INGREDIENTI x2
  • 180 gr di orzo precotto
  • 100 gr di tonno affumicato
  • 2 zucchine grandi
  • mezza cipolla rossa
  • 1 cucchiaino di curry
  • Un'arancia grande
  • Due cucchiaini di pepe rosa
  • Un cucchiaio d'olio
  • Sale qb

PREPARAZIONE

Scaldate l'olio e soffriggete la cipolla tagliata finemente.
Aggiungete poi le zucchine tagliate a pezzettini ed aggiungete acqua se necessario, per portare a termine la cottura (in modo da usare poco olio).
Quando sarà quasi conclusa, aggiungete il tonno affumicato, sempre a pezzettini, il curry, il pepe rosa ed il succo dell'arancia e salate.
Intanto portate ad ebollizione una pentola d'acqua salata e cuocete l'orzo seguendo le instruzioni sulla confezione. Una volta cotto, ripassatelo nella padella in cui c'è il condimento, ed aggiustate eventualmente di sale.

Per servirlo in modo più carino ho usato il coppa pasta.

Risultato estremamente goloso e soddisfacente, nonostante la quantità di calorie ridotte!
Buon pranzo a tutti!

mercoledì 20 gennaio 2016

IL BAGNET VERD - IL BAGNETTO VERDE ALLA PIEMONTESE

Tomini con il bagnetto verde alla piemontese
Ieri con la mia famiglia abbiamo fatto una delle nostre cene luculliane che ci ostiniamo a chiamare aperitivo, ma dove poi mangiamo tantissimo...

Per l'occasione mi sono misurata per la prima volta con una salsa tipica piemontese gustosissima, il bagnetto verde alla piemontese, che è ottima per accompagnare molte pietanze, tradizionalmente la carne del bollito misto, ma anche come ho fatto io, acciughe e tomini.

Ho adottato qualche modifica ed il risultato mi è piaciuto molto.
Acciughe con il bagnetto verde alla piemontese
Ecco come prepararla:

INGREDIENTI

(la salsa mi è bastata ed avanzata per un rotolo di tomino da tagliare a fette ed una scatola di accughe sott'olio)
  • 100 gr di prezzemolo
  • 100 gr di pane raffermo
  • un cucchiaio di aceto di vino bianco
  • uno spicchio di aglio
  • olio extravergine d’oliva qb
  • sale qb

PREPARAZIONE

Bagnare il pane raffermo con l'aceto. Strizzarlo e poi frullare bene tutti gli ingredienti insieme. L'olio conviene aggiungerlo gradualmente, in modo da ottenere la consistenza desiderata.

Nelle foto potete vedere il risultato!

P.S. Ho apportato, rispetto alle ricette che ho trovato on line, le seguenti modifiche: non ho messo acciughe nè l'uovo ed ho ridotto la quantità di aglio consigliata, ottenendo una salsa un pò più delicata.